Hai cercato: Brandisio 2011 - Primitivo di Manduria DOP Riserva

IdentikEatIl prodotto


Brandisio 2011 - Primitivo di Manduria DOP Riserva

È un vino potente dal carattere molto deciso, intenso. Dotato di una lunghissima persistenza gusto olfattiva, armonico. Caratteristica peculiare di quest’annata è lo spiccato equilibrio tra aromi e sapori. Può essere degustato anche da solo.

Uvaggio: Primitivo 100% Età dei vigneti circa 40 anni

Forma di allevamento: alberello.

Superficie vitata: 1,2 ha.

Produzione per ceppo circa 1 kg

Altitudine. 125 m. s. l. m.

Composizione del terreno: calcareo - argilloso.

Cure colturali: eliminato ogni impiego di sostanze chimiche,

anche di zolfo e rame ammessi in agricoltura biologica. Microrganismi efficaci.

Vendemmia: eseguita il 22 agosto, interamente a mano con la selezione di ogni grappolo deposto in piccole cassette.

Vinificazione: in fermentino di acciaio termo controllato con macerazione sulle bucce alla temperatura di circa 24° per 15 giorni.

Fermentazione con lieviti autoctoni

Svinatura con pressatura soffice.

Affinamento: 12 mesi in barriques di rovere francese. Musicoterapia.

Messo in bottiglia il 4 ottobre 2012

Bottiglie prodotte: 1076

Alcol: 15,68 % Vol.

PH: 3,34

 Vino non filtrato né chiarificato.

IdentikEatCON COSA É FATTO?

IdentikEatIl processo produttivo

COME VIENE PRODOTTO Brandisio 2011 - Primitivo di Manduria DOP Riserva

La bottiglia conviene stapparla almeno una o, meglio, più ore prima della degustazione. E poi consigliabile passare il vino in caraffa utilizzando un filtro, prima di servirlo, avendo cura di lasciarne una piccola quantità nella bottiglia dove rimarranno gli eventuali depositi (che possono essere utilizzati per preparare, ad esempio, un bel risotto al Primitivo) dovuti al fatto che il vino non è stato filtrato, onde evitare la perdita di alcune sue caratteristiche organolettiche.

Temperatura di servizio: 18/20°C.

Calice consigliato: rigorosamente a calice molto ampio.

Con il trascorrere dei minuti si potrà percepire l’evoluzione delle caratteristiche organolettiche che si amplieranno in termini d’intensità aromatiche e sapori. Conviene far roteare il vino nel bicchiere, prima di verificarne l’evoluzione, poiché attraverso l'ossigenazione è possibile permettere l'emanazione e promozione degli aromi e dei sapori tipici del nostro terroire.

Il  nostro Brandisio si sposa molto bene sia con piatti saporiti e/o piccanti (non eccessivamente) che con carne alla brace.

Se si decide di gustare il vino con il formaggi, potreste inebriarvi con l'ottimo abbinamento con caprino (o pecorino) non molto stagionato, mentre Sconsiglio, personalmente, l'accostamento con il parmigiano o con le salse a base di pomodoro.

Invecchiamento: minimo 22 mesi in bottiglia con musicoterapia.

SCOPRI Oreste Tombolini vitivinicultore

IdentikEatIl produttore

Oreste Tombolini vitivinicultore

L’azienda individuale “Oreste Tombolini vitivinicultore” nasce ufficialmente nel 2008.

L'azienda nasce con il compito di di produrre vini non omologati nei quali siano esaltate le qualità nutraceutiche (efficaci solo se degustati nelle giuste dosi).

Il protocollo (protetto con la data certa dell’annullo postale) ideato dal produttore inizia nelle vigne di proprietà nelle quali si applicano tecniche di agricoltura etico-naturale rispettose quindi dell’ambiente che si prefiggono, in sintesi, il raggiungimento dello stato di equilibrio biochimico del suolo e il potenziamento del sistema immunitario delle vigne basato anche sulla produzione di polifenoli il cui tenore  risulta così migliorato.   

L’uva è lavorata nella cantina di proprietà, colonizzata dai Microrganismi Efficaci di Teruo Higa con la tecnica del controllo della temperatura del pigiato durante la fermentazione e l’affinamento del vino in barriques di rovere francese nella bottaia condotta alla risonanza acustica con brani selezionati di Canto Gregoriano. Il sistema di allevamento delle viti, il controllo della temperatura durante la fermentazione, l’affinamento in barriques e la “musicoterapia” sono i passaggi fondamentali che caratterizzano la produzione del Brandisio e del Rosato mentre gli altri vini sono sottoposti allo stesso protocollo in cantina. Questa si trova nel sud Italia, Puglia, a Carosino (TA) ed è il risultato della trasformazione della vecchia cantina del nonno materno del proprietario in una più moderna dotata appunto di fermentini refrigerati e di bottaia con annesso impianto stereo.

 

 

Il prodotto di punta è un vino rosso, 100% Primitivo denominato Brandisio che è immesso sul mercato dopo almeno tre anni dalla vendemmia.

Recentemente è stata immessa sul mercato l’annata  2013 che va ad aggiungersi alle precedenti.

Il Brandisio  è  affiancato da altri due vini  più freschi e meno impegnativi denominati: Il Rosato, e Il Primitivo 2013, entrambi uvaggio 100% Primitivo.

Tutti i vini prodotti sono affinati in barriques di rovere francese per periodi da 5 a 12 mesi. Il Passito 2015 un altro vino rosso, 100% Primitivo, differente in quanto dolce, è un’ulteriore sperimentazione

della cantina. È espressione dell’annata contraddistinta da frequenti piogge nel periodo della maturazione e da caldo intenso. Una parte di questo vino è stata subito messa in bottiglia con la denominazione di Stramaturo (poco più di un centinaio di esemplari ora esaurito) la restante, è stata proposta dopo un anno di affinamento in barrique. Il Primitivo, e Il Passito provengono da vigneti non di proprietà. Le bottiglie si presentano tutte con la stessa etichetta che è anche il marchio ufficiale dell’azienda, cambiano esclusivamente il nome del prodotto e il colore. 

Vai al sito del produttore
Logo Oreste Tombolini vitivinicultore

Brandisio 2011 - Primitivo di Manduria DOP RiservaDove